Olivina - (Fe,Mg)2SiO4

Il termine olivina (dal colore verde oliva del minerale) è un termine che indica una serie isomorfa di minerali che va dal termine puro forsterite (Mg2SiO4), al termine pure fayalite (Fe2SiO4). Poiché il nome olivina indica il termine intermedio tra forsterite e fayalite, non è considerato una specie mineralogica valida, ma è considerato come nome della serie. I minerali del gruppo delle olivine sono caratterizzati da una struttura formata da tetraedri singoli SiO4 legati ad atomi bivalenti in coordinazione ottaedrica. La serie dell’olivina comprende i seguenti minerali:

• Forsterite Mg2SiO4
• Fayalite Fe2 SiO4
• Tephroite Mn2 SiO4
• Monticellite (Ca, Mg)SiO4
• Kirschteinite (Ca, Fe)SiO4
• Glaucochroite (Ca, Mn)SiO4
• Liebenbergite (Ni, Mg)2SiO4
• Picrotephroite (Mg, Mn)2 SiO4

A condizioni superficiali l'olivina è comunemente soggetta ad una veloce alterazione; i principali prodotti di alterazione dell'olivina sono:

Iddingsite: Miscela di smettite (fillosilicato), clorite, goethite/ematite. In sezione sottile appare di colore rosso cupo, generalmente presente al bordo dei cristalli o lungo fratture.
Bowlingite: Miscela di smettite-clorite e quantità variabili di serpentino, talco, e quarzo. La formazione di iddingsite o bowlingite dipende essenzialmente dalla fugacità di ossigeno e dallo stato di ossidazione del Fe. In condizioni ossidanti si ha formazione di iddingsite e in condizioni riducenti di bowlingite.
Clorofaeite: Miscela di clorite, smettite, goethite e calcite. Risulta molto simile all'iddingsite solo che ha indici di rifrazione minori e colore più variabile.
Serpentino: L’alterazione in serpentino è comune in rocce plutoniche o debolmente metamorfiche e è dovuta alla circolazione di fluidi idrotermali. Causa la formazione di strutture di tipo "mesh" (porzioni di olivina inalterata circondata da vene ricche in serpentino). Il serpentino si forma secondo numerose reazioni chimiche tra cui:

♦ 2Mg2SiO4 + 3H2O ↔ Mg3Si2O5(OH)4 + Mg(OH)2 (Forsterite + acqua ↔ Serpentino + Brucite)

Se nel sistema è presente anche la CO2, l’alterazione dell’Olivina può dare luogo al talco secondo la reazione:

♦ 2Mg3Si2O5(OH)4 + 3CO2 ↔ Mg3Si4O10(OH)2 + 3MgCO3 + 3H2O (serpentino + CO2 ↔ talco + magnesite + acqua)

Il talco si può anche formare per la reazione tra la dolomite e la silice, reazione tipica degli Skarn derivanti da rocce dolomitiche in zone di metamorfismo di contatto:

♦ 3CaMg(CO3)2 + 4SiO2 + H2O ↔ Mg3Si4O10(OH)2 + 3CaCO3 + 3CO2 (dolomite + silice + acqua ↔ talco + calcite + CO2)

L’olivina nel mantello terrestre

All’aumentare della pressione e della temperatura la struttura dell’olivina diviene instabile (Fig.1). A circa 410 Km di profondità l’olivina subisce un passaggio di fase e si trasforma in wadsleyite, a 520 Km la wadsleyite si trasforma a sua volta e diviene ringwoodite (che ha una struttura compatta tipo spinello). A 670 Km la ringwoodite diviene instabile e si trasforma in perovskite e magnesiowustite. Queste trasformazioni condizionano le caratteristiche del mantello, si ha infatti un progressivo aumento di densità, osservabile anche dallo studio della velocità delle onde sismiche.

olivine(mantle)2017.jpg

Fig.1: Relezioni ad alta pressione nel sistema Mg2SiO4-Fe2SiO4: α = Olivina; β = wadsleyite; γ = ringwoodite; Pv = perovskite; Mw = magnesiowustite; St = stishovite.



Caratteristiche ottiche:

Abito: Tozzo su sezioni (100). Rettangolare su sezioni (010). Rotondeggiante su sezioni (001).
Colore: Incolore (Fo), verde-giallo (Fa).
Sfaldature: (010) e (100) imperfette. Spesso non osservabili.
Frattura: Concoidi.
Rilievo: Alto.
Colori di Interferenza:Molto alti.


Bibliografia



Le informazioni contenute in questa pagina sono tratte da:
• W. A. Deer, R. A. Howie, J. Zussman (1994): Introduzione ai Minerali che costituiscono le rocce. Zanichelli editore.
• Optical Mineralogy : The Nonopaque Minerals by Phillips / Griffen
• E. WM. Heinrich (1956): Microscopic Petrografy. Mcgraw-hill book company,inc
Foto
olivinaserpentinizzata2012(2).jpg

Cristalli di olivina con fratture riempite da serpentino e magnetite. Immagine a N//, 2x (lato lungo = 7mm)
olivinaserpentinizzata2012(3).jpg

Cristalli di olivina con fratture riempite da serpentino e magnetite. Immagine a N//, 2x (lato lungo = 7mm)
olivinaserpentinizzata2012(4).jpg

Cristalli di olivina con fratture riempite da serpentino e magnetite. Immagine a N//, 2x (lato lungo = 7mm)
olivinaserpentinizzata2012(6).jpg

Cristalli di olivina con fratture riempite da serpentino e magnetite. Immagine a N//, 2x (lato lungo = 7mm)
olivinaserpentinizzata2012(5).jpg

Cristalli di olivina con fratture riempite da serpentino e magnetite. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
dunitemilonitizzata(2).jpg

Cristalli deformati di olivina in una milonite. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm).
dunitemilonitizzata(5).jpg

Cristalli deformati di olivina in una milonite. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm).
dunitemilonitizzata(3).jpg

Cristalli deformati di olivina in una milonite. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm).
dunitemilonitizzata(4).jpg

Cristalli deformati di olivina in una milonite. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm).
dunitemilonitizzata(6).jpg

Cristalli deformati di olivina in una milonite. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm).
dunitemilonitizzata(7).jpg

Cristalli deformati di olivina in una milonite. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm).