Plagioclasi - NaAlSi3O8--CaAl2Si2O8

I plagioclasi costituisco il gruppo di minerali più comune nelle rocce ignee, e sono costituiti da una soluzione solida compresa tra il termine puro albite (NaAlSi3O8) e il termine puro anortite (CaAl2Si2O8). In base alla percentuale di anortite (An%) si possono distinguere:

Albite: Ab100-90% - An0-10%
Oligoclasio: Ab90-70% - An10-30%
Andesina: Ab70-50% - An30-50%
Labradorite: Ab50-30% - An50-70%
Bytownite: Ab30-10% - An70-90%
Anortite: Ab10-0% - An90-100%

feldsparclassificationmm.jpg

Diagramma classificativo dei feldsapati.



La struttura dell'Albite pura ha una struttura completamente ordinata nella quale gli atomi di Si e Al si alternano in numero uguale nei vari siti tetraedrici T1 e T2, mentre la struttura dei vari termini della serie dei plagioclasi invece non è del tutto chiara nonostante i numerosissimi studi in merito. I plagioclasi possono contenere quantitativi fino al 5% di molecola Ortoclasica. Altri cationi che possono essere presenti in quantitativi modesti sono Ti, Fe, Mn, Ba, Sr.

Zonatura
Molte minerali presentano una zonatura composizionale che, però, non è sempre ben visibile e determinabile al microscopio. I minerali in cui è più facilmente osservabile sono i plagioclasi. Le variazioni composizionali possono essere evidenziate da allineamenti di inclusioni cristalline e/o vetrose. La variazione di composizione dal nucleo al bordo del cristallo può seguire andamenti molto variabili. La zonatura è detta continua se le variazioni composizionali avvengono gradualmente, discontinua se le variazioni sono brusche, oscillante se coinvolge alternativamente aumenti e diminuzioni del contenuto in molecola An.

La zonatura è detta normale per i cristalli che verso il bordo si arricchiscono del componente basso-fondente della miscela, mentre la zonatura è invece detta inversa per i cristalli il cui bordo è più ricco del componente alto-fondente. I plagioclasi hanno zonatura normale se la composizione diventa più acida (più ricca in albite) verso il bordo, inversa quando la composizione diventa più basica (più ricca in anortite) verso il bordo. La forma delle varie zone concentriche può ricalcare l'abito esterno del cristallo, ed essere quindi generalmente euedrale o subedrale, oppure può presentare andamenti più o meno irregolari con evidenti rientranze, nel qual caso è detta convoluta. In alcune casi si osservano, in genere nei nuclei, delle zone anedrali a composizione contrastante e separate tra loro a dare una estinzione a chiazze (patch zoning).

Caratteristiche Ottiche
Abito: Generalmente euedrale con forme rettangolari o quadrate.
Colore: Incolore e limpido.
Rilievo: Basso.
Sfaldatura: Buona su (001) e distinta su (010).
Colori di Interferenza: Grigio I ordine.
Geminazione: Quella più comune è la polisintetica albite, spesso associata alla Carlsbad.


Bibliografia



Le informazioni contenute in questa pagina sono tratte da:
• W. A. Deer, R. A. Howie, J. Zussman (1994): Introduzione ai Minerali che costituiscono le rocce. Zanichelli editore.


Foto
gabbroantartide(5).jpg

Cristalli di clinopirosseno e plagioclasio in un Gabbro dell'Antartide. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
gabbroantartide(6).jpg

Cristalli di clinopirosseno e plagioclasio in un Gabbro dell'Antartide. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
gabbroantartide(7).jpg

Cristalli di clinopirosseno e plagioclasio in un Gabbro dell'Antartide. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
troctolite(22).jpg

Fenocristalli di olivina e plagioclasio in una Troctolite. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
troctolite(23).jpg

Fenocristalli di olivina e plagioclasio in una Troctolite. Immagine a NX, 10x (lato lungo = 2mm)
troctolite(11).jpg

Fenocristalli di olivina e plagioclasio in una Troctolite. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
monzodiorite0078(9).jpg

Cristalli di plagioclasio, pirosseno e ortose interstiziale. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
monzodiorite0078(10).jpg

Cristalli di plagioclasio, pirosseno e ortose interstiziale. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
monzonitee(13).jpg

Fenocristallo di plagioclasio zonato. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
tonaliteantartide(3).jpg

Cristalli di orneblenda e plagioclasio in una tonalite, Antartide. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
tonaliteantartide(4).jpg

Cristalli di orneblenda e plagioclasio in una tonalite, Antartide. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)