Tessitura glomerofirica

La tessitura glomerofirica può essere definita come una varietà della tessitura porfirica in cui i fenocristalli sono raggruppati in aggregati detti glomerofiri. I glomerofiri si formano per aggregazione dei cristalli che si formano sul liquidus, e quest'aggregazione è favorita principalmente dai due fattori:

• La superficie totale del glomerofiro ha un'estensione molto minore della somma delle superfici dei singoli cristalli e questo comporta un risparmio energetico.
• La presenza di cristalli o germi cristallini nel magma favorire la nucleazione eterogenea (crescita di cristalli che sfrutta la presenza di cristalli precedentemente formatisi).

I glomerofiri rivestono un importante ruolo nel processo di frazionamento poiché, essendo più pesanti dei singoli cristalli che li formano, sono maggiormente soggetti all'affondamento (tendono a depositarsi nelle parti basse della camera magmatica). L'affondamento è regolato dalla legge di Stokes:

V = 2R2 (de - di)g /9η

dove: V = velocità di sedimentazione; R = raggio dei cristalli; di = densità dei cristalli; de = densità del magma; g = accelerazione di gravità; 9η = viscosità del magma.

I glomerofiri giocano un ruolo molto importante nella differenziazione magmatica in quanto i glomerofiri tendono ad affondare nel magma molto più facilmente di singoli cristalli. Minerali poco densi come ad esempio i feldspati, che singolarmente tenderebbero a risalire per flottazione, possono essere frazionati, ed affondare se contenuti in glomerofiri dominati da minerali ad elevata densità.


Bibliografia



Le informazioni contenute in questa pagina sono tratte da:
• M. J. Hibbard (1994): Petrography to Petrogenesis. Prentice Hall editore
• Ron H. Vernon (2004): A pratical guide to rock microstructure. Cambridge editore
• Rocchi S. (1993): Meccanismi di cristallizzazione e strutture delle rocce ignee. SEU Pisa.


Foto
gglomerofiroo(3).jpg

Glomerofiro di plagioclasio e pirosseni in un basalto. Immagine a NX, 10x (lato lungo = 2mm).
gglomerofiroo(2).jpg

Glomerofiro di plagioclasio e pirosseni in un basalto. Immagine a NX, 10x (lato lungo = 2mm).
gglomerofiroo(5).jpg

Glomerofiro di plagioclasio e pirosseni in un basalto. Immagine a N//, 10x (lato lungo = 2mm).
gglomerofiroo(4).jpg

Glomerofiro di plagioclasio e pirosseni in un basalto. Immagine a NX, 10x (lato lungo = 2mm).