Peperino

Il peperino o piperino Ť una roccia magmatica, tipica delle zone di Vitorchiano e Soriano nel Cimino, in provincia di Viterbo, e dei Colli Albani, in provincia di Roma, di origine piroclastica. Contiene comunemente frammenti lavici e sedimentari. Il nome Peperino deriva dal termine latino "Lapis Peperinus", derivato da "Piper" (pepe) per via della presenza di cristalli di biotite di colore che ricordano i grani di pepe.

Per maggiori informazioni sulle rocce della Provincia Magmatica Romana consulta la pagina "Provincia Magmatica Romana" nella sezione Le provincia magmatiche italiane.

peperino(andy)(1).jpg

Panoramica di una sezione sottile di una ignimbrite (peperino grigio), realizzata da Andy Tindle (Virtual Microscope). Immagine a N//, lato lungo = 2,5 cm.




peperino(andy)(2).jpg

Panoramica di una sezione sottile di una ignimbrite (peperino grigio), realizzata da Andy Tindle (Virtual Microscope). Immagine a NX, lato lungo = 2,5 cm.




peperino.jpg

Lastra lucidata di Peperino dei Colli Albani





Bibliografia



Le informazioni contenute in questa pagina sono tratte da:
• DíAmico C., Innocenti F. & Sassi F.P. (1987): Magmatismo e metamorfismo. UTET


Foto
peperinovulsini(2).jpg

Cristalli di pirosseno, plagioclasio e biotite immersi in una pasta di fondo vetrosa con struttura fluidale. Immagine a N//, 2x (lato lungo = 7mm)
peperinovulsini(3).jpg

Cristalli di pirosseno, plagioclasio e biotite immersi in una pasta di fondo vetrosa. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
peperinovulsini(4).jpg

Cristalli di pirosseno, plagioclasio e biotite immersi in una pasta di fondo vetrosa con struttura fluidale. Immagine a N//, 2x (lato lungo = 7mm)
peperinovulsini(5).jpg

Cristalli di pirosseno, plagioclasio e biotite immersi in una pasta di fondo vetrosa. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
peperinovulsini(6).jpg

Cristalli di pirosseno, plagioclasio e biotite immersi in una pasta di fondo vetrosa con struttura fluidale. Immagine a N//, 2x (lato lungo = 7mm)
peperinovulsini(7).jpg

Cristalli di pirosseno, plagioclasio e biotite immersi in una pasta di fondo vetrosa. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
peperinovulsini(8).jpg

Cristalli di pirosseno, plagioclasio, sanidino e biotite immersi in una pasta di fondo vetrosa. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
peperinovulsini(9).jpg

Cristalli di pirosseno, plagioclasio e biotite immersi in una pasta di fondo vetrosa con struttura fluidale. Immagine a N//, 2x (lato lungo = 7mm)
peperinovulsini(10).jpg

Struttura fluidale della pasta di fondo. Immagine a NX, 10x (lato lungo = 2mm)
peperinovulsini(11).jpg

Struttura fluidale della pasta di fondo. Immagine a N//, 10x (lato lungo = 2mm)
peperinovulsini(12).jpg

Struttura fluidale della pasta di fondo. Immagine a N//, 10x (lato lungo = 2mm)
peperinovulsini(14).jpg

Struttura fluidale della pasta di fondo. Immagine a N//, 10x (lato lungo = 2mm)
peperinovulsini(15).jpg

Struttura fluidale della pasta di fondo. Immagine a N//, 10x (lato lungo = 2mm)
peperinovulsini(16).jpg

Struttura fluidale della pasta di fondo. Immagine a N//, 10x (lato lungo = 2mm)
peperinovulsini(17).jpg

Struttura fluidale della pasta di fondo. Immagine a N//, 10x (lato lungo = 2mm)
peperinovulsini(18).jpg

Struttura fluidale della pasta di fondo. Immagine a N//, 10x (lato lungo = 2mm)
peperinovulsini(19).jpg

Struttura fluidale della pasta di fondo. Immagine a N//, 10x (lato lungo = 2mm)
peperinovulsini(20).jpg

Struttura fluidale della pasta di fondo. Immagine a N//, 10x (lato lungo = 2mm)