Rioliti

Le Rioliti sono un gruppo di rocce silicatiche a grana fine. Il nome venne coniato nel 1860 da Ferdinand von Richthofen e deriva dal termine greco "Rheo", che significa flusso, data la natura fluidale di molte Rioliti. Spesso le Rioliti presentano una tessitura porfirica, mentre quelle cenozoiche hanno una tessitura Piroclastica Eutassitica.

Le rocce riolitiche costituite dall'80% di vetro sono dette Ossidiane. Queste presentano strutture di flusso e, oltre al vetro, possono contenere Microliti, Cristalliti e Sferuliti. Ossidiane altamente vescicolate (75% di vescicole) sono dette Pomice.

La paragenesi fondamentale delle Rioliti è costituita da: Plagioclasio nelle Rioliti basse in Potassio, Sanidino nelle Rioliti alte in Potassio e nelle Alcaline, Quarzo comunemente con abito Embayed, Clinopirosseni (Augite), Ortopirosseni (Hyperstene), Biotite, Anfiboli (Horneblenda), Olivina Fayalitica.

La composizione chimica delle Rioliti è essenzialmente simile a quella delle rocce granitiche anche se spesso, la loro classificazione risulta assai ardua, essendo comunemente a grana fine o totalmente vetrose.

Una classificazione abbastanza esaustiva delle Rioliti prende in considerazione 4 parametri:

K2O vs SiO2. In questo modo possiamo distinguere Rioliti e Rioliti basse in potassio (Tholeiitiche)

A.S.I. (Allumina Saturaction Index) = (Al2O3) / (CaO + Na2O + K2O). Le rioliti che hanno A.S.I > 1 vengono dette peralluminose.

A.I. (Agpaitic Index) = (Na2O + K2O) / (Al2O3). Con questo indice si discriminano le Rioliti peralcaline, ulteriormente suddivise in Pantelleriti e Comenditi a seconda del loro conteuto in ferro. La formazione delle Rioliti peralcaline viene spiegata con "l'effetto plagioclasio". Il Plagioclasio Anortitico contiene due volte Alluminio rispetto ai feldspati alcalini, quindi la cristallizzazione di An porterà ad un arricchimento nel liquido di K e Na e un simultaneo impoverimento in Aluminio.

Relazioni tra alcali-silice nel TAS. Il campo delle Rioliti viene suddiviso in due campi, prendendo come riferimento la linea di Na2O + K2O = 8Wt%. Si indentificano così Rioliti e alcali-Rioliti.

I magmi ad alto contenuto in Silice sono usualmente molto polimerizzati e viscosi. L'alta viscosità ha una profonda influenza sugli stili eruttivi di questi magmi.
Durante un'attività vulcanica non esplosiva, le lave ad alta viscosità tendono ad accumularsi al di sopra del centro eruttivo senza fluire lateralmente, formando strutture tozze e dalla forma sub-circolare o ellittica dette Duomi o cupole laviche.

I Duomi si generano generalmente nel corso di una singola effusione lavica, ma possono continuare a crescere per apporto continuo di nuovo magma. A causa dell'alta viscosità e del forte attrito interno delle lave che formano i Duomi, essi sviluppano un regime di flusso laminare che favorisce una struttura interna laminata e foliata.
Il risultato è il tipico aspetto a "cipolla" in cui le lave si accavallano le une sulle altre formando strutture dette Rampe.

In base alla loro genesi i Duomi vengono divisi in: Endogeni, Esogeni, Duomi Couée, Criptodoumi.

Duomi Esogeni: sono Duomi che si accrescono a partire dalla sommità grazie a ripetute estrusioni di lava.

Duomi Endogeni: si accrescono per espansione dall'interno con conseguente distensione della parte esterna che si frattura generando brecce dette Talus.

Duomi Coulée: sono Duomi (Endogeni o Esogeni) che si formano sui versanti acclivi dei vulcani. Questi duomi, trovandosi su una superficie acclive, tendono a scorrere o "colare" in parte lungo il fianco del vulcano.

Criptoduomi: sono Duomi che si accrescono all'interno del fianco del vulcano. Un esempio di Criptoduomo è quello che si creò sul finaco del Mount St. Helen e che dette il via alla grande eruzione del 1980.

Se invece l'attività vulcanicha è di tipo esplosivo, si creeranno depositi Piroclastici di vario tipo: Piroclastic flow, Piroclastic Surge, Air-fall (depositi di ricaduta).

riolite.jpg

Diagramma QAPF In blu il campo delle Rioliti





15.jpg

Riolite porfirica. Immagine tratta da Natalie Teager, Arizona State University.



rhyolite1.jpg

Campione Riolite. Notare la grana fine e le sottili "foliazioni" magmatiche dovute al flusso magmatico. Immagine tratta dal "Geology.com".



rhyolite.jpg

Campione Riolite. I cristalli visibili sono quarzo.



prhyolite.jpg

Riolite porfirica. Notare i plagioclasi zonati. Da Eastern Illinois University.



Bibliografia



Le informazioni contenute in questa pagina sono tratte da:
• Rocchi S. (1993): Meccanismi di cristallizzazione e strutture delle rocce ignee. SEU Pisa
• Ron H. Vernon (2004): A pratical guide to rock microstructure. Cambridge editore
• Eric A.K. (1985): Middlemost Magmas and Magmatic Rocks. Longman, London
• D’Amico C., Innocenti F. & Sassi F.P. (1987): Magmatismo e metamorfismo. UTET

Foto
riolitepetroselciosa(2).jpg

Fenocristallo di quarzo in una riolite. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
riolitepetroselciosa(4).jpg

Fenocristallo di sanidino. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
riolitepetroselciosa(5).jpg

Fenocristallo di quarzo e biotite. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
riolitepetroselciosa(6).jpg

Fenocristallo di quarzo e plagioclasio in una riolite. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
riolitepetroselciosa(7).jpg

Fenocristalli di quarzo e plagioclasio. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
riolitepetroselciosa(8).jpg

Fenocristallo di sanidino e quarzo. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
riolitepetroselciosa(9).jpg

Fenocristallo di quarzo. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
riolitepetroselciosa(10).jpg

Fenocristalli di quarzo e plagioclasio. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
riolitepetroselciosa(11).jpg

Fenocristalli di quarzo. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
riolitepetroselciosa(12).jpg

Fenocristallo di quarzo. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
riolitepetroselciosa(13).jpg

Fenocristalli di quarzo e plagioclasio. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
riolitepetroselciosa(14).jpg

Fenocristallo di quarzo. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
riolitepetroselciosa(15).jpg

Fenocristalli di plagioclasio di quarzo. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
riolitepetroselciosa(16).jpg

Fenocristallo di sanidino e quarzo. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
riolitepetroselciosa(17).jpg

Fenocristallo di plagioclasio. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
riolitepetroselciosa(18).jpg

Fenocristalli di quarzo e sanidino. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
riolitepetroselciosa(19).jpg

Fenocristallo di quarzo e plagioclasio. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
riolitepetroselciosa(20).jpg

Fenocristalli di biotite e quarzo. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
riolitesanvincenzo(3).jpg

Minerali sialici e biotite in una riolite di San Vincenzo. Immagine a N//, 2x (lato lungo = 7mm)
riolitesanvincenzo(4).jpg

Plagioclasio, Sanidino, Biotite e Cordierite (in basso a destra). Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
riolitesanvincenzo(5).jpg

Fenocristallo riassorbito di quarzo (al centro). Immagine a N//, 2x (lato lungo = 7mm)
riolitesanvincenzo(6).jpg

Fenocristallo riassorbito di quarzo (al centro). Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
riolitesanvincenzo(7).jpg

Fenocristallo di sanidino. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
riolitesanvincenzo(8).jpg

Fenocristallo di quarzo. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
riolitesanvincenzo(9).jpg

Fenocristallo di sanidino. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
riolitesanvincenzo(10).jpg

Fenocristallo di cordierite alterata (al centro). Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
riolitesanvincenzo(11).jpg

Fenocristallo di cordierite alterata. Immagine a N//, 10x (lato lungo = 2mm)
riolitesanvincenzo(12).jpg

Fenocristallo di cordierite alterata. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
riolitesanvincenzo(13).jpg

Fenocristalli di bioite. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
riolitesanvincenzo(14).jpg

Fenocristallo di cordierite alterata. Immagine a N//, 10x (lato lungo = 2mm)
riolitesanvincenzo(15).jpg

Fenocristallo di cordierite alterata. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
riolitesanvincenzo(16).jpg

Fenocristalli di sanidino. Immagine a NX, 2x (lato lungo = 7mm)
riolitesanvincenzo(17).jpg

Fenocristalli di quarzo. Immagine a N//, 10x (lato lungo = 2mm)
riolitesanvincenzo(18).jpg

Fenocristalli di quarzo. Immagine a NX, 10x (lato lungo = 2mm)
riolitesanvincenzo(20).jpg

Pasta di fondo sferulitica. Immagine a NX, 10x (lato lungo = 2mm)
riolitesanvincenzo(21).jpg

Fenocristallo di cordierite alterata. Immagine a NX, 10x (lato lungo = 2mm)
riolitesanvincenzo(22).jpg

Pasta di fondo sferulitica. Immagine a NX, 10x (lato lungo = 2mm)
riolitesanvincenzo(23).jpg

Quarzo, feldspati e biotite. Immagine a N//, 10x (lato lungo = 2mm)