Tufo Pisolitico

I lapilli accrezionali sono aggregati sferoidali di cenere e particelle con dimensioni variabili da 3-4 mm fino a più di 10 cm.
Esistono due tipi tessiturali di Lapilli accrezionali:

Rim-type Lapilli:
Questo tipo di lapilli è costituito da un nucleo di cenere grossolana circondato da un bordo di cenere a grana fine.
Il borbo può essere anche gradato e se lo è si ha una diminuzione della grana veso le parti esterne del lapillo, spesso però si ha l'alternanza di strati a grana grossa e a grana fine. In alcuni casi tali lapilli presentano bordi multipli senza un nucleo ben definito.

Core-type lapilli:
Consistono in aggregati di cenere senza un bordo a grana fine.
I Lapilli del tipo "Core" sono caratterizzati da avere un nucleo formato da frammenti di roccia (pomice, Scoria) o cristalli.

Strutture accrezionali più grosse vengono definite "Armoured mud balls" e si rinvengono in depositi Vulcanoclastici sottomarini Miocenici. Questi Lapilli hanno un nucleo costituito da frammenti di Mudstone circondato da livelli concentrici di cenere, e raggiungono dimensioni di 6-10 cm.

La formazione dei lapilli accrezionali è dovuta alla sospensione di cenere e all'umidità.
Le particelle di cenere in sospensione si aggregano grazie a forze elettrostatiche e a urti ripetuti. Questi aggregati vengono poi mantenuti uniti dalla tensione superficiale dell'umidità che condensa sulle particelle, dalla compattazione delle particelle stesse, da forze elettriche e dalla crescita di nuovi minerali dall'evaporazione dell'umidità condensata.

L'attrazione elettrostatica gioca un ruolo fondamentale nelle formazione dei bordi di cenere fine.

Molti Lapilli accrezionali si formano quando la pioggia attraversa una Plume vulcanica secca e priva di umidità, mentre in altri casi la loro genesi è legata alla precipitazione di pioggia, cristalli o frammenti litici, su un deposito di cenere fine e al loro rotolamento su tale deposito.

I Lapilli accrezionali sono strutture assai comuni in molti depositi vulcanici:

• Depositi di eruzioni freatomagmatiche.
• Surge in Tuff rings.
• Depositi piroclasiti e depositi di caduta in eruzini Freatopliniane.
• Depositi da caduta in eruzioni ignimbritiche.

I Lapilli accrezionali che si rinvengono in depositi da caduta sono spesso concentrati in strati ben classati e posti tra livelli molto spessi di ceneri.
In depositi da Surge invece tendono a concentrarsi sul "lato protetto" di ostacoli del terreno e sulle creste delle dune.

Pur essendo di formazione aerea, i Lapilli accrezionali possono essere depositati, ridepositati e maneggiati in ambiente subacqueo.
Lapilli accrezionali che si depositano in ambienti acquatici possono preservare totalmente o parzialmente la loro struttura.
Spesso possono venire dissolti e parzialmente assorbiti dall'acqua. Come ogni materiale di oprigine vulcanica poi possono subire erosione trasporto e successiva deposizione in vari tipi di ambiente, sia marino, fluviale, lacustre che continentale.

Il miglior modo di interpretare l'origine dei Lapilli accrezionali è comunque sia l'osservazione di campo e le relazioni tra le strutture vulcaniche.
I dettagli della loro struttura della loro composizione e della grana ci possono fornire poi informazioni supplementari sulle modalità di formazione.


pisolitico.jpg

Campione di Tufo pisolitco. Notare i lapilli dalla forma arrotondata.



Bibliografia



Le informazioni contenute in questa pagina sono tratte da:
• Ron H. Vernon (2004): A pratical guide to rock microstructure. Cambridge editore
• Eric A.K. (1985): Middlemost Magmas and Magmatic Rocks. Longman, London
• D’Amico C., Innocenti F. & Sassi F.P. (1987): Magmatismo e metamorfismo. UTET

Foto
lapilliaccrezzionali(2).jpg

Lapillo accrezionale in un tufo pisolitico. Roccamonfina. Immagine a N//, 2x (Lato lungo = 7mm).
lapilliaccrezzionali(3).jpg

Lapillo accrezionale in un tufo pisolitico. Roccamonfina. Immagine a N//, 2x (Lato lungo = 7mm).
lapilliaccrezzionali(4).jpg

Lapillo accrezionale in un tufo pisolitico. Roccamonfina. Immagine a N//, 2x (Lato lungo = 7mm).
lapilliaccrezzionali(6).jpg

Lapillo accrezionale (Rim-type) in un tufo pisolitico. Roccamonfina. Immagine a N//, 2x (Lato lungo = 7mm).
lapilliaccrezzionali(7).jpg

Lapillo accrezionale (Rim-type) in un tufo pisolitico. Roccamonfina. Immagine a N//, 2x (Lato lungo = 7mm).
lapilliaccrezzionali(8).jpg

Lapillo accrezionale (Rim-type) in un tufo pisolitico. Roccamonfina. Immagine a N//, 2x (Lato lungo = 7mm).
lapilliaccrezzionali(9).jpg

Bordo di un lapillo accrezionale (Rim-type) in un tufo pisolitico. Notare l'alternanza di strati a granulometria diversa. Roccamonfina. Immagine a N//, 2x (Lato lungo = 7mm).
lapilliaccrezzionali(10).jpg

Bordo di un lapillo accrezionale (Rim-type) in un tufo pisolitico. Notare l'alternanza di strati a granulometria diversa. Roccamonfina. Immagine a N//, 2x (Lato lungo = 7mm).
lapilliaccrezzionali(11).jpg

Bordo di un lapillo accrezionale (Rim-type) in un tufo pisolitico. Notare l'alternanza di strati a granulometria diversa. Roccamonfina. Immagine a N//, 2x (Lato lungo = 7mm).
lapilliaccrezzionali(12).jpg

Lapillo accrezionale (Rim-type) in un tufo pisolitico. Roccamonfina. Immagine a N//, 2x (Lato lungo = 7mm).
lapilliaccrezzionali(13).jpg

Lapillo accrezionale (Rim-type) in un tufo pisolitico. Roccamonfina. Immagine a N//, 2x (Lato lungo = 7mm).
lapilliaccrezzionali(14).jpg

Lapilli accrezionali (Rim-type) in un tufo pisolitico. Roccamonfina. Immagine a N//, 2x (Lato lungo = 7mm).
lapilliaccrezzionali(15).jpg

Lapillo accrezionale (Rim-type) in un tufo pisolitico. Roccamonfina. Immagine a N//, 2x (Lato lungo = 7mm).
lapilliaccrezzionali(16).jpg

Lapillo accrezionale (Rim-type) in un tufo pisolitico. Roccamonfina. Immagine a N//, 2x (Lato lungo = 7mm).
lapilliaccrezzionali(17).jpg

Lapillo accrezionale (Rim-type) in un tufo pisolitico. Roccamonfina. Immagine a N//, 2x (Lato lungo = 7mm).
lapilliaccrezzionali(18).jpg

Bordo di un lapillo accrezionale (Rim-type) in un tufo pisolitico. Notare l'alternanza di strati a granulometria diversa. Immagine a N//, 2x (Lato lungo = 7mm).
lapilliaccrezzionali(19).jpg

Bordo di un lapillo accrezionale (Rim-type) in un tufo pisolitico. Notare l'alternanza di strati a granulometria diversa. Roccamonfina. Immagine a N//, 2x (Lato lungo = 7mm).
lapilliaccrezzionali(20).jpg

Lapilli accrezionali (Rim-type) in un tufo pisolitico. Notare l'alternanza di strati a granulometria diversa Roccamonfina. Immagine a N//, 2x (Lato lungo = 7mm).
lapilliaccrezzionali(25).jpg

Bordo di un lapillo accrezionale (Rim-type); Notare l'alternanza di strati a granulometria diversa. Immagine a N//, 10x (Lato lungo = 2mm).
lapilliaccrezzionali(27).jpg

Bordo di un lapillo accrezionale (Rim-type); Notare l'alternanza di strati a granulometria diversa. Immagine a N//, 10x (Lato lungo = 2mm).
lapilliaccrezzionali(28).jpg

Bordo di un lapillo accrezionale (Rim-type); Notare l'alternanza di strati a granulometria diversa. Immagine a N//, 10x (Lato lungo = 2mm).
tufopisolitico2012(2).jpg

Lapillo accrezionale in un tufo pisolitico. Immagine a N//, 2x (Lato lungo = 7mm).
tufopisolitico2012(3).jpg

Porzione di lapillo accrezionale in un tufo pisolitico. Immagine a N//, 2x (Lato lungo = 7mm).
tufopisolitico2012(4).jpg

Lapillo accrezionale in un tufo pisolitico. Immagine a N//, 2x (Lato lungo = 7mm).
tufopisolitico2012(5).jpg

Porzione di lapillo accrezionale in un tufo pisolitico. Immagine a N//, 2x (Lato lungo = 7mm).
tufopisolitico2012(7).jpg

Porzione di lapilli accrezionali in un tufo pisolitico. Immagine a N//, 2x (Lato lungo = 7mm).
tufopisolitico2012(8).jpg

Porzione di lapillo accrezionale in un tufo pisolitico. Immagine a N//, 2x (Lato lungo = 7mm).
tufopisolitico2012(10).jpg

Porzione di lapillo accrezionale in un tufo pisolitico. Immagine a NX, 2x (Lato lungo = 7mm).
tufopisolitico2012(6).jpg

Piccoli cristalli di quarzo in una matrice cineritica a grana fine. Immagine a NX, 2x (Lato lungo = 7mm).
tufopisolitico2012(9).jpg

Piccoli cristalli di quarzo in una matrice cineritica a grana fine. Immagine a NX, 2x (Lato lungo = 7mm).